IMSA, Belle Isle: Cadillac #01 torna a vincere a Detroit, Lexus svetta in GTD

Cadillac Racing #01 vince con Sébastien Bourdais/Renger van der Zande la sesta gara dell’IMSA WeatherTech SportsCar Championship. Giornata perfetta per gli alfieri di Chip Ganassi e per la Vasser Sullivan #17, primi in GTD dopo un lunghissimo digiuno

DPi

Sébastien Bourdais (Cadillac Racing #01) ha tenuto il primato alla prima piega della pista di Belle Isle difendendosi da ogni ipotetico assalto da parte di Tom Blonqvist (Shank Racing #60/Acura) e Ricky Taylor (WTR #10/Acura).

L’arrivo del traffico non ha cambiato le carte in tavola con il leader della prova che ha cercato di allungare. Il temibile transalpino ha preso un piccolo margine sulla concorrenza che successivamente tornerà all’assalto nelle battute conclusive di una corsa che è rimasta incerta sino alla bandiera a scacchi.

Renger van der Zande #10 è stato raggiunto giro dopo giro da Oliver Jarvis, abile a recuperare dei decimi preziosi al temibile olandese di Cadillac. La sfida è entrata nel vivo nei minuti conclusivi, mentre Filipe Albuquerque #10 provava a difendere il podio da Earl Bamber (Cadillac Racing #02) e Felipe Nasr (Action Express #31/Cadillac).

L’ex pilota di F1 ha dato vita un bellissimo duello contro il vincitore della Sebring 12h 2022. Il brasiliano non è riuscito nell’impresa di conquistare l’ultima piazza d’onore in seguito ad un deciso attacco da parte del ‘kiwi’ al penultimo giro. L’ex alfiere di Porsche non ha fatto sconti nella terza curva di Belle Isle, il #31 di Action Express ha dovuto inchinarsi alla Cadillac #02.

Secondo acuto in stagione per Renger van der Zande/ Sébastien Bourdais ( Cadillac Racing #01) davanti per solo tre decimi all’Acura #60 di Tom Blomqvist/Olivier Jarvis (Meyer Shank Racing with Curb-Agajanian #60 ). Terza posizione per Earl Bamber/Alex Lynn (Cadillac Racing #02), mentre è da segnalare nel post gara la squalifica per Felipe Nasr/Olivier Pla. I portacolori di Action Express hanno perso il quarto posto nel parco chiuso per una vettura irregolare durante le consuete verifiche tecniche.

GTD

Roman De Angelis (Heart of Racing #27/Aston Martin) è partito nel migliore dei modi e nelle prime battute ha conquistato la leadership su Kyle Kirkwood (Vasser Sullivan #17/Lexus) e Madison Snow (Paul Miller Racing #1/BMW).

Tutto si è deciso ai box per quanto riguarda l’unica categoria GT in pista. Vasser Sullivan ha giocato con la strategia beffando con Ben Barnicoat il rivale Ross Gunn. Quest’ultimo si è messo all’inseguimento del #17 del gruppo che ha tenuto nel migliore dei modi la prima piazza fino alla bandiera a scacchi.

Torna a primeggiare Lexus in GTD dopo un lunghissimo digiuno. Ben Barnicoat / Kyle Kirkwood iscritti in via eccezionale all’evento, hanno tagliato il traguardo su Roman De Angelis /Ross Gunn (Heart of Racing #27 ). I campioni in carica della WeatherTech Sprint Cup 2022 hanno completato con margine sulla BMW M4 GT3 #1 di Paul Miller Racing, team che ha preceduto la seconda Lexus di Vasser Sullivan #12 e la Mercedes #32 di Team Korthoff Motorsports.

Piccola pausa ora per l’IMSA WeatherTech SportsCar Championship che riprenderà dal Glen a fine giugno.

Luca Pellegrini

Foto. Michelin Racing USA twitter


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...