IMSA, 6h Glen: il recap del finale

Filipe Albuquerque/Ricky Taylor regalano a WTR ed ad Acura la vittoria nella 6h del Glen, settima tappa dell’IMSA WeatherTech SportsCar Championship. Tanta festa anche in casa Heart of Racing, squadra che con Aston Martin ha messo in bacheca la GTD PRO e la GTD tradizionale al termine di una corsa ricca di emozioni e colpi di scena

DPI

Shank Racing #60 e WTR #10 hanno continuato a controllare la corsa nella seconda metà dell’evento. La battaglia a distanza tra le due Acura ha regalato emozioni, una bagarre a distanza che ha visto Tom Blomqvist/Olivier Jarvis primeggiare su Filipe Albuquerque/Ricky Taylor.

La caution è tornata ad 1h e 30 dalla conclusione, una neutralizzazione dovuta all’incidente in curva 7 della Lamborghini Huracan GT3 #39 di Carbahn with Peregrine Racing. L’auto ha concluso contro le barriere interne dopo aver colpito l’Oreca 07 Gibson LMP2 #20 di High Class Racing. La prova è stata subito neutralizzata, una fase che ha preceduto una bandiera rossa di circa 60 minuti per pioggia.

Blonqvist (Shank Racing #60) ha riaperto le danze davanti ad Filipe Albuquerque (WTR #10) ed a Sébastien Bourdais con la prima delle due Cadillac del Chip Ganassi Racing #01. Il portoghese, come nel primo giro, è salito in cattedra ed ha subito provato di allungare nonostante il poco carburante a disposizione ed il rischio di doversi fermare.

L’ex vincitore della 24h Le Mans è stato rimontato dai due rivali che nel traffico hanno messo in discussione il successo del vice-campione della categoria. Un vero attacco non è mai arrivato, Filipe Albuquerque/Ricky Taylor hanno potuto festeggiare nel Glen davanti a Tom Blomqvist/Olivier Jarvis ( Meyer Shank Racing with Curb-Agajanian #60/Acura) e Renger van der Zande/ Sébastien Bourdais (Cadillac Racing #01).

LMP2

La battaglia è entrata nel vivo dopo lo scoccare delle 3h tra High Class Racing #20, DragonSpeed #81 e Racing Team Nederland #29. Le tre formazioni citate si sono sfidate alla grande nella spettacolare pista che sorge nello Stato di New York, una lotta che purtroppo è stata ‘bloccata’ dalla bandiera rossa ad 1h e 30 dalla fine.

Il restart ha visto due protagonisti: Scott Huffaker (PR1/Mathiasen Motorsports) e #52) e Louis Deletraz (Tower Motorsport #8). L’elvetico ha tentato a più riprese di beffare il rivale, una missione non riuscita. Il campione in carica dell’European Le Mans Series si è dovuto inchinare all’avversario che ha potuto festeggiare con solo 107 millesimi di vantaggio. Frits van Eerd/Giedo van der Garde/Dylan Murry (Racing Team Nederland #29) hanno chiuso il podio, mentre Henrik Hedman/Juan Pablo Montoya/Sebastian Montoya (DragonSpeed #81) hanno alzato bandiera bianca nel finale in seguito ad una sanzione.

LMP3

Con un giro di vantaggio sugli altri, la seconda parte della gara è stata relativamente semplice per Gar Robinson/ Felipe Fraga /Kay van Berlo (Riley Motorsports #74). Il trio citato ha gestito senza problemi il finale vincendo per la seconda volta nell’Endurance Cup dopo l’acuto della Rolex 24 di gennaio. Seconda piazza per Jon Bennett /Colin Braun/George Kurtz (CORE autosport #54 ) davanti a Jarrett Andretti/Josh Burdon/Gabby Chaves (Andretti Autosports #36).

GTD PRO

Daniel Serra (Risi Competizione #62/Ferrari) e Mathieu Jaminet (Pfaff Motorsport #9/Porsche) hanno iniziato a sfidarsi per il secondo posto insieme alla Lexus #14 di Kyle Kirkwood (Vasser Sullivan). Questi ultimi hanno optato nella parte centrale della corsa per una strategia differente rispetto alla BMW #25 di Augusto Farfus, leader a 2h dalla conclusione con ampio margine sui rivali.

La Ferrari di Serra ha preso il largo a meno di 2h dalla fine, la Mercedes #79 di Maro Engel (WeatherTech Racing) si portava in terza piazza, una posizione condivisa con Kirkwood. La lotta è entrata nel vivo con il tedesco e l’americano che provavano a superare la Porsche #9 di Jaminet.

La lotta per il primato è stata sospesa ad 1h e 30 della conclusione per maltempo, una condizione che ha annullato il vantaggio di BMW.

Serra ha riaperto la corsa tra le GTD PRO, una classe che si è conclusa con un rabbocco extra di carburante per Risi Competizione (Ferrari #62), Vasser Sulllivan (Lexus #12) e Pfaff Motorsports(Porsche #9). Le tre vetture citate hanno dovuto fermarsi una volta in più degli altri, una situazione che ha di fatto incoronato Connor De Phillippi/ John Edwards/Augusto Farfus (BMW #25).

Gli alfieri di Rahal hanno vinto in scioltezza, abili a primeggiare su Ross Gunn/Alex Riberas (Heart of Racing #23/Aston Martin), Davide Rigon/Daniel Serra (Risi Competizione #62) e Ben Barnicoat/Kyle Kirkwood (Vasser Sullivan #14/Lexus)

La graduatoria è cambiata pochi minuti dopo la fine dell’attività, la BMW #25 è stata infatti squalificata per aver violato le regole sul tempo guida dei piloti. Aston Martin ha potuto festeggiare il primo acuto in GTD PRO al termine di un fine settimana praticamente perfetto.

GTD

La seconda metà della corsa è iniziata con una bellissima lotta al top della GTD tra la McLaren #70 di Inception Racing e la BMW #1 del Paul Miller Racing, rispettivamente affidate a Ollie Millroy e Bryan Sellers.

Tra i due litiganti ha avuto la meglio la Mercedes #57 del Winward Racing. Philip Ellis ha fatto il vuoto allingando su Roman de Angelis (Heart of Racing #27/Aston Martin) e Spencer Pumpelly con l’Aston Martin #44 del Magnus Racing.

L’azione non è stata molta in pista nei 20 minuti conclusivi. Winward Racing ha tagliato il traguardo in scioltezza con Russell Ward/Philip Ellis/Marvin Dienst. Questi ultimi hanno avuto una gloria molto breve, come la già citata BMW #25 hanno dovuto lasciare il successo per un’infrazione nel tempo di guida dei piloti.

Nuova festa in casa Aston Martin con Heart of Racing che ha firmato una storica doppietta tra GTD PRO e GTD grazie a Roman De Angelis /Maxime Martin/Ian James, vincitori su Brendan Iribe /Ollie Millroy/ Jordan Pepper (Inception Racing #70/McLaren) e Frankie Montecalvo/Aaron Telitz/Richard Heistand (Vasser Sullivan #12).

Settimana prossima si torna in pista nel mitico impianto di Mosport.

Luca Pellegrini

Foto. Michelin Racing USA


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...